Frantoio. L’albero dallo sviluppo vigoroso.

frantoio

Frantoio. L’albero dallo sviluppo vigoroso.

Frantoio è l’albero dallo sviluppo vigoroso e dai colori della chioma argentati. Rappresenta uno delle tre cultivar coltivate nella nostra Fattoria. Insieme alle altre due: il Moraiolo e il Leccino dona quel sapore naturale, straordinario, aromatico ed inconfondibile dell’olio IGP toscano di FDBP prodotto a Castiglione della Pescaia.

La cultivar frantoio chiamato anche Frantoiano, Gentile, Grognolo, Raggio, è tipico della Toscana ma è diffusa anche nel CentroItalia e in alcuni paesi mediterranei. Questa diffusione ha avuto luogo per le sue particolari caratteristiche dal punto di vista produttivo che sotto il profilo qualitativo. Il Frantoio è una delle varietà predominanti, in compagnia del Leccino e del Moraiolo e quindi va tenuto a bada nello sviluppo. L’olivo frantoio si caratterizza per essere un albero che presenta una grandezza media, per avere uno sviluppo vigoroso e per poter contare su un’ottima chioma larga, con una ramificazione principale nodosa che risulta piuttosto fitta. L’olivo frantoio sotto il profilo climatico è sensibile al freddo. La pianta è di media grandezza ed ha una buona produttività. L’infiorescenza è abbastanza lunga, con fiori abbastanza numerosi di medie dimensioni. La fruttificazione è alta e costante; l’invaiatura è tardiva e graduale, mentre la maturazione scalare e tardiva. La resistenza al distacco è media. Il periodo ideale di raccolta è intorno a metà novembre. I frutti non sono adatti per l’uso da mensa. Entra in produzione precocemente e la produttività si presenta elevata e costante. Buona la resa in olio. Questo, verde lucente scuro con riflessi dorati, è di ottima qualità: fine, aromatico, sapido e fruttato, con sfumature di piccante e amaro. Alcuni vi ravvisano vari sentori tra cui: erba fresca, mela acerba, carciofo, maggiorana, rosmarino, lattuga, sedano e mandorla

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*