Leccino. Una pianta nata in Toscana.

leccino

Leccino. Una pianta nata in Toscana.

Leccino: una pianta nata in Toscana e disseminata in tutta Italia. Unica nelle caratteristiche organolettiche che diventa la struttura aggregante del gusto del nostro olio extravergine d’oliva IGP toscano prodotto da FDBP di Castiglione della Pescaia.

La cultivar leccino chiamato anche Leccio, è originaria della Toscana, ma diffusa anche in molte altre regioni italiane. La sua grande resistenza alle avversità principali e la capacità d’adattamento a terreni diversi sono i connotati che hanno determinato il suo gran successo e apprezzamento. L’olivo Leccino si presenta come un albero esteticamente molto gradevole e può raggiungere grandi dimensioni. Una delle sue peculiarità è il fatto di avere rami di tipo cadente che ricordano, in qualche modo, quelli di un salice piangente. La chioma è fitta ed espansa. L’infiorescenza è piuttosto corta ed i fiori sono grandi. A maturazione le olive sono nero corvino. L’invaiatura è contemporanea e precoce; la maturazione precoce. Le drupe, che spesso si presentano in grappolini di 3-5, hanno bassa resistenza al distacco. La produttività è piuttosto costante. Le olive raccolte prima della completa maturazione danno un olio di ottima qualità, fresco, fruttato e profumato. La raccolta delle olive effettuata in epoca più avanzata, invece, potrà produrre un olio meno forte ma con gusto dolce e rotondo. I nostri esperti con sapienza ne indicano il tempo giusto per dare ai nostri prodotti il gusto inconfondibile dell’olio extravergine d’oliva della Fattoria del Buon Profumo.
L’olio, giallo dorato con riflessi verdi, è di ottima qualità ma, per alcuni, senza particolari picchi aromatici; Noi di FDBP, invece, ne esaltiamo il sapore fresco, poco fruttato, leggermente amaro e piccante. E le nostre coltivazioni in fattoria donano al profumo dell’olio anche note di erbe aromatiche e piante officinali quali timo, rosmarino, basilico, menta.

Alcune volte il nostro olio extravergine d’oliva assume le caratteristiche delle piante spontanee che vivono ai bordi del nostro bosco che circonda gli alberi donando un profumo di cicoria, lattuga, carciofo, fungo e mandorla. 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*